MARZO PAZZERELLO

01 Aprile 2020

Speranza lago di gardaChe questo marzo sia stato “pazzerello”, come dice un famoso proverbio italiano (“E’ marzo, il mese pazzerello. Si esce con il sole, si prende anche l’ombrello”), è fuori di dubbio.
Il modo di dire però si usa per il clima, di solito, visto che il mese di marzo rappresenta il passaggio verso la bella stagione: porta con sé la primavera e la fine dell’inverno. Marzo 2020 rimarrà invece sui libri di storia, e non certo per l’alternarsi di bellissime giornate di sole e grigie mattine con la neve a pochi passi. E’ stato il mese del Coronavirus, che ha stravolto i nostri mondi.

E’ stato, e lo è tutt’ora, un periodo nero. Dove tutti stiamo facendo sacrifici per superarlo. E lo supereremo!!!! Con la consapevolezza però che è la salute il bene più importante che abbiamo. E prima di ogni altra cosa, il lavoro, la casa, la macchina, dobbiamo dedicarci a quella, alla salute della propria famiglia. Si può provare, con rinunce e sofferenze, a sopravvivere qualche settimana senza lavoro. Senza la salute, invece, non ci resta nulla.

Questo ci sta insegnando questo terribile virus. Se forse dedicassimo più tempo alla famiglia staremmo meglio? Se rispettassimo di più la natura vivremmo in un mondo più pulito, più bello? Se mantenessimo alcune buone abitudini che questa pandemia ci ha obbligato a tenere, come sprecare meno il cibo, spostarsi di più a piedi, essere meno egoisti verso gli altri, ne godrebbe la nostra salute?

Confucio diceva “La nostra gloria più grande non sta nel non cadere mai, ma nel risollevarsi sempre dopo una caduta.”